Author name: Redazione

Einstein Telescope: occasione più unica che rara per la Sardegna e l’Italia – Parte 2

Nella prima parte di questo articolo dedicato all’Einstein Telescope, abbiamo scoperto cos’è e come dovrebbe funzionare l’osservatorio. Ormai è chiara l’importanza che dovrebbe avere, non solo in termini di ricerca e progresso nel campo scientifico, ma anche a livello di prestigio che potrebbe portare in un territorio tendenzialmente poco considerato, come la Sardegna. In questa parte conclusiva, capiamo perché è stato candidato il sito di Sos Enattos e quali vantaggi economici potrebbe portare al territorio.

Einstein Telescope: occasione più unica che rara per la Sardegna e per l’Italia – Parte 1

Delle grandi infrastrutture se ne parla da sempre: tra chi li vive come un investimento sul territorio e chi invece come uno spreco di fondi pubblici, intercorre una sola differenza: la fiducia nelle capacità dello Stato di gestire i soldi pubblici. Nel caso trattato da Paolo Carzedda, vediamo l’Einstein Telescope, progetto che vede la Sardegna protagonista nella corsa per ospitare il progetto europeo, che avrà inevitabilmente importanza mondiale. In questa prima parte dell’articolo, vediamo di cosa si tratta

La fine della politica “Zero Covid” in Cina

Il Covid è stato un grande catalizzatore che ha accelerato lo sviluppo di molte tendenze già esistenti. Tra queste, anche il tentativo del governo cinese di accentrare potere e controllo sulla propria popolazione. Se nelle liberaldemocrazie la questione del consenso è fattore di competizione (a volte spietata) tra forze politiche, nei sistemi autocratici diventa lo spauracchio della classe dirigente, che pur di mostrarsi stabile ed efficiente non esita ad adottare misure repressive. Ma il cambio di rotta sulle politiche Covid da parte del PCC ci dimostra che un governo forte non impedisce l’insorgenza del disagio della cittadinanza.

Soumahoro: un giudizio politico

Nell’ultimo mese si è tanto parlato della vicenda di Aboubakar Soumahoro, noto sindacalista eletto in quota Alleanza Verdi e Sinistra. Come ormai succede da anni, subito stampa e media si sono fiondati nel fatto senza preoccuparsi troppo delle indagini avviate per fare chiarezza. Vale la regola giustizialista e manettara del “colpevole fino a prova contraria”, come durante l’Inquisizione. Ma non siamo qui per parlare del caso Soumahoro; sfruttiamo la vicenda però per parlare di un problema ben più grande, che abbraccia, ormai, sinistra e destra: il giustizialismo.

Bastiat e i soldi pubblici

Esiste una cultura diffusissima in Italia, per la quale ogni spesa di cui si fa carico lo Stato non pesa su nessuno. Vale l’idea per la quale i fondi pubblici si creano e consumano da soli, senza alcun tipo di conseguenza; da qui, la malsana idea di stampare moneta per ogni evenienza, di inventare bonus per ogni occasione e di sperperare denaro in mille rivoli senza ritorno. Attraverso dei piccoli aneddoti, Bastiat ci spiega quanto dannoso possa essere spendere senza pensare alle alternative.

Iran, la ribellione di un popolo. Questa storia è affar nostro?

Da circa tre mesi la popolazione iraniana è in stato di rivolta contro il proprio regime teocratico. La scintilla è stata la morte di una giovane curda, uccisa dalla polizia morale perché indossava impropriamente il velo. Ma quanto di questa storia ci riguarda? Più di quel che possiamo immaginare, soprattutto sul tema della laicità dello Stato. Ricordiamo cosa sta accadendo in un Paese percepito come lontano nella settimana in cui celebriamo la Dichiarazione Universale dei diritti umani.

Spunti per un partito liberaldemocratico

Facendo un confronto con altri Paesi europei, emerge chiaramente quanto sia influente l’assenza di un partito liberaldemocratico. Alcuni temi sono trattati in modo poco appropriato, come un tifo da stadio condito da ideologia. Garantismo, posizionamento internazionale, diritti sono solo alcuni dei temi di cui il partito liberaldemocratico dovrà occuparsi. Da dove partire? Da alcuni spunti.

Perché in Italia manca una vera cultura liberale?

La storia della cultura liberale è lunghissima e pone le sue radici all’alba della modernità. Sono numerosi i pensatori e le scuole di pensiero nate in seno al liberalismo, e l’Italia può vantare un grande contributo intellettuale. Nonostante ciò, nel nostro Paese la cultura liberale è assente.

Meritocrazia, questa sconosciuta

Il dibattito intorno alla meritocrazia divampa periodicamente nel nostro Paese, senza che nessuno impari nulla, ed anzi imputando al merito “immeritate”. Questa volta, a far scattare la scintilla è il nome del Ministero dell’Istruzione e del Merito.

In difesa della liberal-democrazia

Partiamo da un dato: secondo l’EIU Democracy Index, il 2021 è stato l’anno più critico per il modello democratico nel mondo, registrando l’indice globale più basso della storia moderna. Secondo lo studio, nel 2021 il 45,7% della popolazione mondiale viveva in un regime democratico; un calo considerevole rispetto al solo 2020, quando la percentuale di popolazione mondiale all’interno delle democrazie era del 49,4%. Visto nel dettaglio, il dato è allarmante, perché mette in evidenza come vi sia stato un calo a livello globale della qualità della democrazia